Ecommerce

Ho appena fatto la spesa con Amazon Pantry. Conviene

Di il 14 Giugno 2018

Ho appena fatto la spesa con Amazon Pantry.

Ho comprato 16 prodotti tra deodoranti, panni polvere, biscotti, succhi, rotoli alluminio, ecc. Praticamente una spesa da supermercato. Il costo per il servizio pantry è di 3,99€ (fissi) per la spedizione. Ciò vuol dire che la spedizione su ogni prodotto, avendone acquistati 16, mi è costata 0,25€.

Con 16 prodotti la scatola si era riempita al 24%. Ciò vuol dire che avrei potuto acquistare tranquillamente 65 prodotti. A questo punto la spedizione avrebbe inciso circa 0,06€ (sei centesimi di euro) per ogni prodotto.

Ora vi faccio solo alcuni esempi del risparmio che ho avuto su alcuni prodotti che spesso mi capita di comprare anche al supermercato:

  •  Krumiri 1,75€ Amazon, a fronte di 2,10 € carrefour (risparmio 0,35€)
  • Deodorante Dove original stick 2,00 € Amazon, a fronte di 2,39€ carrefour (ne ho presi 4: risparmio di 1,60€)
  • Deodorante Dove men care 2,59€ Amazon, a fronte di 3,10€ carrefour (Ne ho presi 2: risparmio 1,20€)
  • m&m da 200gr. 2,00 € Amazon, a fronte di 2,79€ carrefour (risparmio 0,79€)
  • Mulino Bianco “batticuore” 1,77€ Amazon, a fronte di 2,30€ carrefour (risparmio di 0,53€)

Insomma i prezzi di Amazon sono mediamente inferiori di oltre 0,25€ (costo incisione spedizione sul mio ordine piccolo), figuriamoci sui 0,06€ per un ordine grande.

Unica pecca, ma si tratta solo di organizzare una spesa per prodotti “non freschi”, per ordine fatto oggi 14 giugno, la consegna è prevista il 20 giugno. Questo, molto probabilmente, perché non ho fatto caso che tra i 16 prodotti ordinati ce ne era qualcuno non disponibile al momento.

Riflession1

  1. La grossa distribuzione tradizionale è in crisi perché le aziende produttrici si stanno rendendo conto che con Amazon è possibile marginare in maniera maggiore sui prodotti, anche offrendoli ad Amazon ad un costo inferiore a quello proposto solitamente ai grossisti.
  2. Tutto l’aspetto commerciale delle aziende, quindi le risorse umane a questo dedicate, sta radicalmente cambiando le proprie dinamiche: le risorse umane commerciali devono avere tutt’altro tipo di competenze rispetto ai professionisti del passato, le cui competenze erano basate soprattutto sulla capacità di vendita del prodotto rispetto alle relazioni umane che erano capaci di instaurare coi clienti. Oggi, i nuovi professionisti del commerciale, occorre che abbiano competenze digitali con dettagliate conoscenze dei canali ecommerce, in più diventano il primo controllo qualità sul prodotto, e il primo consulente marketing, in quanto consapevoli, più di ogni altra figura interna all’azienda, dell’importanza che ha la bontà del prodotto e la bellezza dello stesso, in quanto il feedback del cliente è rilasciato rispetto a tutta l’esperienza di acquisto, e non solo sul prodotto o sull’ “abito di questo”.
  3. Mettetevi l’anima in pace: purtroppo, parlando di GDO, le risorse umani utili a questo tipo di aziende, andranno sempre diminuendo. Vedi gli ultimi licenziamenti di Auchan e Carrefour, perché sempre maggiore sarà l’appeal dell’acquisto online anche di beni di largo consumo.
  4. Mettetevi l’anima in pace: purtroppo (o per fortuna), per le aziende, piccole o grandi che siano, le risorse umane legate agli aspetti commerciali tradizionali saranno sempre meno utili. E quindi avremo nei prossimi anni una enorme crisi anche per queste figure lavorative.
  5. Ma quindi Amazon toglie lavoro a tutti? No. Amazon, e tutte quelle piattaforme di commercio elettronico, anche più piccoli marketplace, ma anche piccoli siti shop di aziende artigiane, aumenteranno il numero di impiegati. Questi avranno le competenze di cui su. Per questo la fascia che andrà incontro ad una maggiore occupazione nei prossimi 10 anni sarà quella che va tra i 25-35 (nuovi commerciali) anni, a dispetto di quella 45-55 (lavoro commerciale tradizionale).
  6. Chi pensa all’ecommerce come ancora un “canale di vendita alternativo”, è dietro anni luce.
  7. Chi pensa all’ecommerce come un fenomeno legato esclusivamente alle vendite, si troverà seriamente in difficoltà nel breve termine.
  8. Chi pensa ad Amazon come un nemico e prova a combatterlo, perderà.
TAGS
Articoli collegati

LASCIA UN COMMENTO