fbpx

Consulenza per vendere su Amazon

La reale consulenza per vendere su Amazon ve la fornisce un Amazon manager. Questi differisce da un semplice ecommerce manager. Amazon ha tante sfaccettature: quello che noi vediamo da lato utenti è soltanto la vetrina preparata per gli acquirenti. In realtà per preparare quella vetrina occorre un lavoro molto complicato che deve tener conto di tanti fattori che esulano dal prodotto che vogliamo vendere sulla piattaforma.

Gestire un ecommerce richiede tanta preparazione: molte competenze che vanno oltre il prodotto da vendere e oltre le solite dinamiche che incontriamo per la gestione di un nostro sito ecommerce. Gestire un account Amazon richiede una preparazione elevata all’ennesima potenza e richiede una specifica consulenza per vendere su Amazon.

Una delle prime cose da sapere è che esistono più canali Amazon su cui poter vendere: i principali sono Amazon Seller ed Amazon Vendor. Il primo prevede il pagamento di commissioni alla piattaforma, il secondo prevede sconti particolari sul nostro listino, da offrire proprio ad Amazon, dandole la possibilità, così, di poter acquistare i nostri prodotti e rivenderli in piena autonomia. Entrambi i canali offrono tanti servizi di cui usufruire: a partire dalla Logistica di Amazon fino ad arrivare alle offerte Amazon Prime, Amazon Pantry, alla possibilità di vendere in tutta Europa e negli USA, con un unico account, creando un inventario Paneuropeo di Amazon; in questo caso potrà essere Amazon stessa a smistare i nostri prodotti nei suoi centri logistici internazionali, dando alle nostre inserzioni una rilevanza maggiore rispetto allo standard. In tutti i mercati di riferimento, inoltre, si può scegliere di aderire al nuovo servizio Amazon Business, che permette di offrire prezzi differenti alle aziende, magari basati sulle quantità minime di acquisto. Praticamente creare un listino apposito per il B2B.

Tutti quelli elencati sopra, sono servizi e sfaccettature di un mondo in costante mutazione. Occorre, quindi, aggiornarsi quotidianamente sulle novità che propone la piattaforma e restare sempre al passo con le sue nuove impostazioni. Ovviamente non tutti i venditori avranno i requisiti necessari per accedere a determinati servizi. Occorrerà, quindi, sempre prima un’analisi preventiva della società che intende vendere su Amazon, sui prodotti che intende inserire, effettuare uno studio sulle potenzialità di vendita di questi sulla piattaforma, e tanto, tanto altro lavoro a corredo dell’attività di ecommerce. In compenso Amazon potrebbe aprirci un mercato che non avremmo mai immaginato di poter raggiungere senza l’adesione ai suoi servizi.

La cosa più stimolante di quando si vende su Amazon è l’analisi dei report che la piattaforma ci mette a disposizione. Con uno attento e costante studio dei report avremo la possibilità di modificare le nostre offerte, le nostre strategie di pricing, ecc. ogni qualvolta necessario, affinché possiamo trovare l’equilibrio migliore per i nostri prodotti.

Insomma, per gestire un account Amazon occorrono competenze che vanno oltre la solita preparazione sul commercio elettronico. Quando si decide di sbarcare su Amazon bisogna sapere che si sta decidendo non solo di portare i propri prodotti su un marketplace per venderli; si sta decidendo di far entrare la propria azienda, con la sua identità, con i suoi prodotti, sul più grande mercato mondiale. Il mio consiglio, quindi, è di non affidare la gestione dell’account Amazon ad una persona o una agenzia con la classica preparazione, ma farsi accompagnare da un consulente esperto di ecommerce e che abbia una preparazione approfondita e mirata su tutte le dinamiche inerenti Amazon.